La condivisione dei dati, software standardizzati e nuove competenze sono oggi le chiavi della competitività nel distretto industriale dell’acciaio.

La trasformazione digitale ha impatto in ogni ambito d’industria e anche le imprese del settore hanno migliorato i sistemi di produzione e la pianificazione, ma il passo successivo rimane sicuramente un’integrazione con i sistemi gestionali aziendali. Un passo obbligato è sicuramente quello di investire sulle nuove competenze e figure professionali, la trasformazione digitale deve infatti anche puntare a risolvere problemi concreti, come la sicurezza sul lavoro o la riduzione degli sprechi, estendendo la trasformazione digitale a tutti i processi aziendali: dalle HR alla gestione di clienti e fornitori.

In una recente ricerca, Siderweb ha riunito esperti di diversi settori per immaginare come sarà la nostra società nel 2030 e gli impatti sul settore siderurgico: “Avremo smart city a sviluppo verticale e necessità di più acciaio strutturale (ad esempio per la costruzione di grattacieli, ndr) rispetto al tondino per cemento di oggi – spiega Morandi, presidente del sito Siderweb -. Serve rivedere la strategia per trovare nuovi modelli di business, stanti i cambiamenti dello scenario e della domanda prevedibile. C’è insomma un rischio simile a quello di rendere efficiente la produzione dei ferri di cavallo alle soglie dell’era industriale”.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here