martedì 11 Maggio 2021

traduzione automatica

martedì 11 Maggio 2021

traduzione automatica

Settore lamiera 2021. Tra timidi segnali di ripresa e provvedimento governativo

Un piccolo spiraglio di luce dai dati percentuali

Dato il naturale legame della lamiera con i settori dell’automotive e di altri comparti industriali, che stanno lentamente recuperando il mercato, dopo le cadute legate al Covid, anche il segmento legato alla lavorazione delle lamiere  sta registrando una lieve ripresa, attestata su un +2,8%. Un dato che, raffrontato al drastico calo del quasi 20% del 2020, potrebbe apparire insufficiente, ma che, in realtà, tenendo conto del contesto generale, appare di buon auspicio per il futuro.

Transizione 4.0. Un provvedimento all’insegna dello sviluppo. Agevolazioni fiscali per chi innova

Nel mondo della lamiera si assiste da anni ad un grande sviluppo tecnologico.Un’opportunità direttamente recepita dalla parte del recentissimo provvedimento governativo “Transizione 4.0”, dedicata agli incentivi per il rinnovamento dei beni strumentali aziendali.

La misura decisiva è quella del credito d’imposta, che consente alle imprese di usufruire di uno strumento fiscale per compensare i debiti, diminuire le imposte dovute oppure, quando ammesso, richiederne il rimborso, ad es. in sede di dichiarazione dei redditi. La misura decisa è la seguente: 

40% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro

20% del costo per la quota di investimenti oltre i 2,5 milioni di euro e fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 10 milioni di euro.

I nuovi crediti d’imposta sono previsti per 2 anni. La decorrenza della misura è anticipata al 16 novembre 2020. È confermata la possibilità, per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022, di beneficiare del credito con il solo versamento di un acconto pari ad almeno il 20% dell’importo e consegna dei beni nei 6 mesi successivi (quindi, entro giugno 2023). È ammessa la compensazione immediata (dall’anno in corso) del credito relativo agli investimenti in beni strumentali. La fruizione dei crediti è ridotta a 3 anni in luogo dei 5 anni previsti a legislazione vigente. 

Sul fronte aliquote importanti novità:

Per spese inferiori a 2,5 milioni di Euro: nuova aliquota al 50% nel 2021 e 40% nel 2022. Per spese superiori a 2,5 milioni di Euro e fino a 10 mln: nuova aliquota al 30% nel 2021 e 20% nel 2022. Per spese superiori a 10 milioni di Euro e fino a 20 milioni è stato introdotto un nuovo tetto: aliquota al 10% nel 2021 e nel 2022.

Una difficoltà oggettiva che incombe

Quello che però si manifesta come un fattore di grande preoccupazione è il sensibile aumento del prezzo delle materie prime che, unitamente alla difficoltà nel reperimento delle stesse(perlopiù provenienti dal sud-est asiatico) è certamente un grosso problema. La stabilizzazione dei prezzi e la disponibilità fisica delle forniture rappresenterebbero un fattore-chiave per il cammino verso l’auspicata ripresa. 

Nonostante le difficoltà, nell’ambiente degli operatori del settore lamiera, si percepisce velatamente  un cauto ottimismo, che è certamente la condizione migliore per cogliere in modo efficace l’agognato superamento della crisi.

Per altre informazioni sul mondo della lamiera: www.workinglamiera.com

seguici anche sui nostri canali social:

FACEBOOK, TWITTER, LINKEDIN

Get in Touch

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Related Articles

Latest Posts