Con il nuovo stabilimento transfluid porta ulteriormente avanti la prototipazione e la produzione di sistemi di automazione nel campo del taglio, della curvatura e della sagomatura.

Idee innovative hanno bisogno di uno spazio di sviluppo al fine di ottimizzare le soluzioni perfettamente adeguate ai processi di lavorazione dei tubi, dal taglio alla sagomatura. Questo vale già per la prototipazione e naturalmente per sistemi di produzione complessi, completamente automatizzati. Gli sviluppatori di transfluid dispongono ora nuovamente dei loro spazi di produzione ampliati di ulteriori 1.000 m2, per un totale di 7.000 m2. “L’investimento era ovviamente mirato al miglioramento del nostro reparto di sviluppo orientato al cliente e alla produzione high-tech”, spiega Stefanie Flaeper, amministratore delegato di transfluid. “Soprattutto per la produzione dei nostri sistemi di automazione e motion sono ora disponibili risorse significativamente più ampie, non solo in termini di strutture, ma anche per le prove di funzionamento e i collaudi. Vi è inoltre per i nostri clienti la possibilità di effettuare una pre-produzione, al fine di garantire e valutare al meglio il processo di taglio e produzione prima della consegna dell’impianto”.

Transfluid ha destinato la maggior disponibilità di spazio nel nuovo edificio anche al reparto di prototipazione in-house. “Al fine rendere operativi i nuovi processi, già da diversi anni proponiamo ai nostri clienti di effettuare un’intensa fase di prototipazione. Questo vale ad esempio per i progetti in cui in passato i raccordi dei tubi venivano sottoposti a saldatura o brasatura e ora queste parti devono essere sostituite dal processo di sagomatura” spiega Stefanie Flaeper. “In questi casi, i componenti devono essere testati di frequente prima della conversione definitiva e la reale installazione. A tal scopo, lavoriamo a stretto contatto con i nostri clienti”.

Grazie alla modifica costruttiva, il reparto di prototipazione ora dispone di una superficie tre volte più grande rispetto a prima. Qui sono disponibili anche macchine per tutti i processi di formatura da 4 a 70 mm, per poter simulare un intero processo nonché un impianto di taglio orbitale senza trucioli e per utilizzare curvatrici CNC. “Se è possibile riprodurre tutti i passaggi, i nostri clienti possono avere una visione d’insieme notevolmente migliore dei processi ed è quindi possibile garantire maggiore sicurezza”, continua Stefanie Flaeper. Nell’ambito dell’ampliamento, è stato installato anche un magazzino ricambi, che consente di offrire un servizio veloce, garantendo una maggior affidabilità di produzione degli impianti transfluid.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here