martedì 2 Marzo 2021

traduzione automatica

martedì 2 Marzo 2021

traduzione automatica

“Lamiera digitale”, ecco come monitorare nascita e sviluppo del prodotto

Sappiamo che anche la lamiera può essere dotata di sensori quando raggiunge la fase del prodotto finito. Sappiamo più in generale cosa succede alla lamiera: viene prodotta attraverso un processo di laminazione da cui prende il nome ed è successivamente confezionata in coil di vario spessore e larghezza per agevolarne il trasporto

Una volta giunto negli stabilimenti di lavorazione, il coil viene spianato in modo da annullare la curvatura che gli è stata impressa per poterlo trasportare e viene tagliato in fogli di dimensioni rispondenti alle esigenze delle lavorazioni da eseguire

Si tratta di operazioni di sagomatura, formatura, assemblaggio e finitura. Diciamo però che principalmente che sagomatura e formatura sono le operazioni principali. Parliamo di sagomatura quando ci riferiamo a quelle che imprimono al foglio di lamiera un determinato il contorno comprensivo di una esecuzione di eventuali fori e asole; mentre chiamiamo operazioni di formatura quelle che invece tra sformano un pezzo sagomato in un oggetto tridimensionale (sportello, cofano e simili). Entrambe le operazioni avvengono attraverso una serie di lavorazioni chiamate taglio, stampaggio e piegatura.

Parlando di lavorazioni rischiamo di dimenticare però un’altra “lavorazione” che è la gestione dei processi di scambio e delle informazioni e dati, che iniziano con il prelievo della materia prima e passano attraverso stoccaggio, raccolta e gestione degli ordini, nuova spedizione, e che porteranno la merce sino alla consegna al destinatario finale in una selva di azioni in cui può essere facile perdersi senza la necessaria esperienza.

Non sono moltissime le aziende che eseguono tutti questi processi gestendoli dall’inizio alla fine, perciò l’introduzione del 4.0 – della cosiddetta trasformazione digitale – in questo ambito può risultare molto vantaggioso e non solo per via degli incentivi e dei benefici fiscali.

Adeguare e interconnettere le fasi della lavorazione coil significa fa sì che le linee di produzione siano dotate di sistemi 4.0 avanzati. Ciò consentirà al fornitore e all’utilizzatore di usufruire di servizi che consentono la programmazione, la gestione e il controllo di tutti i dati che coinvolgono la produzione e la logistica.

Un impianto “connesso” offre molteplici vantaggi: semplicità di invio, tracciabilità di ogni singolo ordine, grande efficienza degli impianti, manutenzione veloce, certezza del risultato, analisi di tutti i dati e possibilità di intervento in ogni fase.

Ti è piaciuto questo articolo? Forse può interessarti anche… “Gli investimenti nel settore manifatturiero”

Get in Touch

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Related Articles

“Lamiera digitale”, ecco come monitorare nascita e sviluppo del prodotto

Sappiamo che anche la lamiera può essere dotata di sensori quando raggiunge la fase del prodotto finito. Sappiamo più in generale cosa succede alla...

La rettifica: la finitura che fa belli i metalli

La rettifica è un processo di lavorazione del metallo mediante le lavorazioni ottenute mediante l’abrasione e asportazione di materiale. E’ successivo alla sgrossatura che invece è una asportazione...

Gli investimenti nel settore manifatturiero

Supporto agli investimenti 2021: non solo credito d’imposta Nuove misura a sostegno delle imprese nel 2021: il credito d’imposta non sarà l’unicasoluzione Il 2021 si prospetta...

Latest Posts