Tecniche sottovuoto per la produzione di sedili e freni in fibra di carbonio sulle auto di F1

Le aziende automobilistiche nel settore della Formula 1 hanno messo a punto negli ultimi anni nuove tecniche di produzione per sedili delle auto da...

fibra di carbonio vuoto Vuototecnica

Le aziende automobilistiche nel settore della Formula 1 hanno messo a punto negli ultimi anni nuove tecniche di produzione per sedili delle auto da corsa più ergonomici e leggeri e per freni in fibra di carbonio più performanti. Molte di queste tecniche prevedono l’utilizzo del vuoto.

Alcuni dischi dei freni sono realizzati, ad esempio, in fibra di carbonio trattata in modo speciale e silicizzata in un processo sottovuoto a circa 1.700 gradi. Ne risultano un grado di durezza sensibilmente più elevato e una maggiore resistenza ai sovraccarichi termici rispetto ai dischi in fusione di ghisa grigia.

La minima dilatazione termica evita l’insorgere di deformazioni in caso di forti sollecitazioni. Inoltre, i dischi dei freni in carboceramica garantiscono protezione contro l’ossidazione e una migliore insonorizzazione. Soprattutto in caso di forti sollecitazioni: ottime premesse per garantire uno spazio di frenata ridotto. Per quanto riguarda i sedili, invece, la formatura avviene per stampaggio a compressione o tramite infusione. In entrambi i casi, un’ottima tenuta del vuoto è fondamentale per la riuscita dei pezzi e per la composizione e la resistenza dei materiali. Senza sottovalutare la leggerezza che rende più competitive le auto.

Vuototecnica lavora da sempre in collaborazione con le migliori case automobilistiche fornendo sistemi con il vuoto adatti a queste produzioni all’avanguardia.

Per saperne di più: www.vuotecnica.net