Alluminio: un materiale sostenibile in grado di sostenere la transazione alla Green economy

Il tema della sostenibilità ambientale è si sicuro uno dei più fondamentali da considerare per la ripresa economica, oltre che per rispettare i trattati di Parigi sul clima.

Da un lato, l’Europa punta a bloccare il declino dell’industria e, dall’altro, vuole farlo rispettando l’ambiente e rendere centrale la sostenibilità, così che il continente possa diventare un vero e proprio leader in ottica green.

Per realizzare questo tipo di progetto e combinare le due richieste l’alluminio diventa un alleato strategico.

Alluminio, il secondo metallo più usato al mondo

L’alluminio è il secondo metallo più usato al mondo e, dalle stime pre-Covid, la richiesta dovrebbe crescere di 13,5 milioni di tonnellate nei prossimi 5 anni.

Questo perché l’alluminio è utile in diversi segmenti, dal packaging all’automotive, e date le sue caratteristiche, come leggerezza e versatilità, aiuta molto nel risparmio energetico dei prodotti finiti.

Potrebbe interessarti anche: produrre acciaio nel 2020

Sostenibilità Alluminio: come valorizzarla?

L’alluminio non è tutto uguale e anche il tipo di produzione incide sulle emissioni di Anidride carbonica nell’aria.

Per questo bisogna premiare le produzioni più efficienti, che si impegnano a produrre minimizzando la loro carbon footprint, utilizzando soprattutto energia pulita e investendo in nuove tecnologie.

Diverse aziende produttrici di alluminio hanno sviluppato nel corso degli anni delle linee di prodotto a basso impatto ambientale, con un loro brand dedicato.

Un’altra azione promossa dall’associazione “FACE” dei consumatori europei di alluminio è quella di creare un marchio “Green Aluminium“, per offrire ai consumatori l’opportunità di scegliere prodotti certificati che rispettino gli standard ambientali.

Per non perdere nessun aggiornamento sul mondo della siderurgia, segui WorkingLamiera su Facebook!


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here